VILLA IN COLLINA

 

Anno
2017

Localizzazione
Torino

Categoria
Ristrutturazione

Stato
Realizzato

Committente
Privato

Dimensioni
550 mq

Project team
Studio Zeropositivo architetti

Fotografie
Zeropositivo Architetti

Certificazioni
Passivhaus - Enerphit

Il progetto, a cura dello Studio Balma, ha riguardato la profonda ristrutturazione di un'imponente villa signorile del '900, immersa nei boschi della collina di Torino. Il fabbricato, di circa 550 mq, non nasce per essere una casa passiva. Risulta infatti geometricamente molto complesso, con numerose interferenze tra zone riscaldate e non riscaldate e alcune particolarità: un ascensore e due caminetti. Anche per queste caratteristiche l'edificio rappresenta un unicum in Piemonte, nel panorama edilizio italiano e, probabilmente, date le dimensioni e le soluzioni adottate, anche in quello europeo.

Attraverso un percorso condiviso con committenti, architetto e maestranze, alla prima esperienza su edifici ad alta efficienza, si è definito l’obiettivo di raggiungere i più alti standard di risparmio energetico e comfort indoor.

L'approccio dello studio, ha riguardato innanzitutto il progetto di un involucro molto performante: l'isolamento continuo con spessore prossimo ai 30 cm, tenuta all’aria e vetri tripli con schermatura integrata nel serramento (fornito da Eurofinestra) sono alcune delle scelte effettuate a seguito del calcolo PHPP.

La riduzione del fabbisogno energetico, ha consentito una notevole semplificazione impiantistica: il sistema idronico tradizionale, inizialmente proposto ai committenti, è stato sostituito da un sistema a “tutt’aria” Nilan fornito da EXRG, pensato per "fare comfort": esso è costituito da due aggregati compatti e da una ventilazione meccanica controllata (VMC) termodinamica, integrati da quattro split canalizzati. Questa strategia impiantistica ha consentito di migliorare notevolmente l’efficienza ed il comfort, riducendo in modo sostanziale gli ingombri e i costi di installazione/manutenzione.

L'impianto fotovoltaico installato in copertura, grazie all’utilizzo delle batterie di accumulo, permette oggi un autoconsumo prossimo al 50% e costi di gestione davvero contenuti. L'autosufficienza energetica della casa, garantita da energie rinnovabili in loco, è un obiettivo che verrà raggiunto nell'immediato futuro!

La proficua collaborazione con i vari attori coinvolti nel processo edilizio ha permesso di ottenere la Certificazione EnerPHit, il protocollo Passivhaus per le ristrutturazioni